Ordina & Gusta Presenta…

Le beet pickled eggs.

L’esperienza di Mario

 

“Circa due anni fa ho fatto un viaggio negli Stati Uniti ed uno dei piatti più particolari che io abbia mai assaggiato sono le beet pickled eggs. Uova che dopo essere state bollite vengono conservate nel succo di barbabietola, in modo che gli albumi assumano il colore rosa fucsia.  Queste uova assumono una consistenza gommosa e possono perdurare per mesi. Un’esperienza a dir poco eccezionale, le barbabietole donano una colorazione particolare alle uova ed una volta assaggiate risultano avere un sapore acidulo ma gustoso.”

 

Le beet pickled eggs: un colorato spuntino made in Usa

Dal gusto intenso e un colore rubino acceso le beet pickled eggs, ovvero le uova in salamoia di barbabietola sono un piatto made in Usa saporito. La realizzazione e l’utilizzo di questo gustoso piatto variano a seconda dello stato. Molto spesso lo si può trovare come spuntino o antipasto nei pub, bar e taverne serviti con la birra.

 

Nella comunità degli olandesi della Pennsylvania le uova in salamoia sono un piatto che non può assolutamente mancare durante il pranzo di Pasqua. Vengono utilizzate, inoltre anche durante i picnic o i pot-lucks, un raduno comunitario in cui ogni partecipante porta qualcosa da mangiare.

Cosa sono le

beet pickled eggs?

La realizzazione di questo piatto in realtà è molto semplice: si tratta infatti di uova sode lasciate macerare in un composto di succo di barbabietola, zucchero e aceto. Al succo vengono poi aggiunte spezie come cannella e chiodi di garofano. Così facendo le uova assorbono il dolce succo delle barbabietole e il suo caratteristico colore violaceo, la quale intensità varia a seconda di quanto tempo le uova vengono lasciate a macerare. La consistenza gommosa e il sapore agrodolce uniti al fascino della sua colorazione rendono questo piatto davvero affascinante.